Sono solo un affamato di carrube Quarta domenica quaresima anno C

Madonna del Monte 26.3.22
Dal Vangelo secondo Luca
Lc 15,1-3.11-32
 
In quel tempo, si avvicinavano Gesù tutti i pubblicani e i peccatori per ascoltarlo. I farisei e gli scribi mormoravano dicendo: «Costui accoglie i peccatori e mangia con loro».
Ed egli disse loro questa parabola: «Un uomo aveva due figli. Il più giovane dei due disse al padre: “Padre, dammi la parte di patrimonio che mi spetta”. Ed egli divise tra loro le sue sostanze. Pochi giorni dopo, il figlio più giovane, raccolte tutte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò il suo patrimonio vivendo in modo dissoluto. Quando ebbe speso tutto, sopraggiunse in quel paese una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. Allora andò a mettersi al servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei suoi campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube di cui si nutrivano i porci; ma nessuno gli dava nulla. Allora ritornò in sé e disse: “Quanti salariati di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi alzerò, andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi salariati”. Si alzò e tornò da suo padre.
Quando era ancora lontano, suo padre lo vide, ebbe compassione, gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò. Il figlio gli disse: “Padre, ho peccato verso il Cielo e davanti a te; non sono più degno di essere chiamato tuo figlio”. Ma il padre disse ai servi: “Presto, portate qui il vestito più bello e fateglielo indossare, mettetegli l’anello al dito e i sandali ai piedi. Prendete il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”. E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi. Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò uno dei servi e gli domandò che cosa fosse tutto questo. Quello gli rispose: “Tuo fratello è qui e tuo padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo”. Egli si indignò, e non voleva entrare. Suo padre allora uscì a supplicarlo. Ma egli rispose a suo padre: “Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai disobbedito a un tuo comando, e tu non mi hai mai dato un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che è tornato questo tuo figlio, il quale ha divorato le tue sostanze con le prostitute, per lui hai ammazzato il vitello grasso”. Gli rispose il padre: “Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato”».

Sono solo un affamato di carrube

Quarta domenica di quaresima anno C

(Luca 15,1-3.11-32)

 

Una parabola che lascia tutto in sospeso, una sfida a quel moralismo che ci abita da sempre, la condanna di ogni tipo di meritocrazia, la tentazione di sottolineare solo una bontà paterna così eccessiva da essere folle… la vicenda di due fratelli e di un padre che da duemila anni rimane a presidiare l’impossibilità di far tornare i conti. Una parabola sfuggente e scandalosa. Un padre che non riesce a tenere insieme i cocci di una famiglia disgregata, un fratello minore che torna e non sembra capire per nulla la logica del padre, un figlio maggiore che rimane fuori, a distanza, perso nel rancore di ciò che il suo cuore vede solo come una grande immeritata ingiustizia.

Hanno tutti ragione, ma questa pagina non è ragionevole.

Sono tutte vittime, ma questa pagina non cerca colpevoli.

Sono tutti segnati da una grande incomprensione, ma questa pagina sembra fare di tutto per non farsi comprendere.

Quella che appare, la sensazione netta che non ci abbandona mai, è la distanza, ogni passaggio di questa parabola si porta addosso uno spazio di lontananza che non si riempie mai. A nulla servono i tentativi del padre, i ritorni del figlio più piccolo o le presunte fedeltà del maggiore, ogni relazione è marchiata a fuoco da una feroce solitudine che marca una distanza apparentemente incolmabile tra gli uomini.

Da subito questo appare chiaro, da quel pugno di versetti che apre il brano di questa domenica ma che è preso da qualche riga prima, messo ad introduzione delle tre parabole: pecora smarrita, moneta persa e appunto padre misericordioso. In questa introduzione da subito emerge che c’è chi sta vicino a Gesù, chi lo ascolta, chi mangia con lui, e chi invece mormora, segnando una distanza di cuore che sembra impossibile da colmare. L’evangelista si premura di chiamare pubblicani e peccatori i primi e farisei e scribi i mormoratori. Ma sono davvero vicini a Cristo i peccatori? Dove saranno nel momento dell’arresto e della croce? E a causa delle mormorazioni gli scribi e farisei sono così irrecuperabili? E noi, a quale distanza siamo? E da che cosa? Da chi?

Credo che i peccatori e i pubblicani, non potendo nascondere nulla, avendo già perso la faccia, liberi dal bisogno si apparire non è che sono più vicini a Dio (il Padre non abbandona mai) ma sicuramente sono più vicini a sé stessi, alla verità di ciò che sono. E forse la parabola conferma questa interpretazione. Un racconto di figli chiamati a fare i conti con ciò che sono.

Basta seguire il figlio minore, prima si avvicina al padre per chiedere la sua parte di eredità, sì, si avvicina, gli parla, movimento di vicinanza prima della distanza: il figlio minore sente che questa libertà “gli spetta”. E sente anche che in quella casa libero non sarà mai del tutto. Non si elencano i motivi dell’insofferenza, solo che questo figlio mette spazio tra sé e suo padre. E il padre non oppone resistenza. Lo lascia andare. Poi lo sappiamo, un paese lontano e la dissoluzione dei beni paterni, che però non è elencata nei particolari, non importa come vengono dilapidati, quello che sembra chiaro è che il figlio abbia bisogno di staccarsi radicalmente dal padre separandosi anche dall’eredità, in qualche modo di ucciderlo, il padre. La distanza deve essere radicale, senza sconti, un punto di apparente non ritorno. Poi ecco la carestia e il bisogno e la famosissima scena dei porci e quella frase perfetta riferita alla mancanza delle carrube: “ma nessuno gli dava nulla”.  Se leggiamo questa scena senza cercare colpevoli, lontani da ogni moralismo, quello che vediamo è un uomo solo, semplicemente solo, eppure in quel momento una distanza si ricompone, figlia del bisogno: tornò in sé. E se fosse solo questo quello a cui siamo chiamati? Non avendo più nulla da perdere quell’uomo torna pienamente in sé.

La reazione del padre al ritorno del figlio è altrettanto famosa, eccessiva, senza senso apparente. Tutto è troppo. Il figlio minore sembra frastornato, si sarebbe accontentato di meno ma per il padre quello è un figlio ritrovato, un uomo che passa da morte a vita: “era morto ed è tornato in vita”. Ecco ancora la storia di un ritorno, tornare in sé, scendere nel punto più intimo di sé stessi, equivale a nascere. Sembra che al padre più che il ritorno a casa, più che un eventuale pentimento, interessi la presa di contatto del figlio con sé stesso, il padre incorona re il figlio che è rientrato in sé.

Il figlio maggiore rimane fuori, lontano. Lontano dalla festa, lontano dal padre, ma forse, se davvero questa lettura è legittima, ancora una volta, soprattutto lontano da sé stesso. La descrizione che fa del fratello è impietosa e carica di moralismo, è lui l’unico a parlare di prostitute. Ma ancora peggiore è la descrizione che fa di sé: “io ti servo e tu (padre) non mi hai mai dato”. E viene il dubbio che l’unico suo grande errore sia stato quello di non andarsene mai, di essere rimasto e così di non essere mai “rientrato in sé”. Sembra che questa parabola, accanto alle altre mille interpretazioni sicuramente più plausibili, ci chieda: ma la vita di fede che vivo mi sta facendo rientrare in me oppure è solo una protezione per non dover ammettere che sono solo un povero affamato di carrube? Come sto facendo i conti con ciò che mi abita davvero, con il male da cui non sono esente? Sono riuscito, almeno una volta, a scendere nel baratro che mi abita, a farlo senza sconti, a fare i conti con i bisogni e le paure, con la solitudine e lo smarrimento, con la verità del mio essere radicalmente affamato? Mi sono perso come una pecora, una moneta o un figlio? La fede che cerco di vivere è solo una ricerca estenuante di risposte oppure è anche una resa, un lasciarmi cercare, un lasciarmi amare, un lasciarmi abbracciare? Senza meriti, per pura gratuità d’amore…  

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...