Non basta essere creato (Trinità)

Così, tutto diventa figlio. Fin qui spinge l’amore. Come ascia nelle vene per ogni corteccia violentata, negli orecchi aghi, perforante guaito del cane che muore, spezzarsi d’ossa ogni frattura di ghiacciaio. E nella carne, l’uomo. Ognuno unigenito, a provare, sempre a provare a credere che l’unica onnipotenza sia d’amare, e che solo questo, a volte,Continua a leggere “Non basta essere creato (Trinità)”

Pietre incandescenti Trinità anno A

foto: Con Nonna Maria tanto tanto tempo fa (grazie zia Dina per la foto) Trinità liturgia parola Pietre incandescenti (Esodo 34; Giovanni 3) Trinità anno A   L’alba, un monte e tra le mani tavole di pietra. Che bruciano. Sono incandescenti, come le due tavole della legge frantumate con rabbia contro il tradimento del suoContinua a leggere “Pietre incandescenti Trinità anno A”

Questa casa non è un convento

“Questa casa non è un convento” Io vivo in una casa, proprio in una casa normale, non è eremo, non è convento. In un convento si vive in tanti e c’è sempre qualcuno all’accoglienza in casa mia ci sono…io. Lo dico perché sta succedendo sempre più spesso che qualcuno viene a trovarmi, ed è chiaroContinua a leggere “Questa casa non è un convento”

Prenotazione di COMETE

Ecco a voi “Comete”… un po’ rivista, un po’ libro… leggibile solo su carta… Cosa ci trovate all’interno? Una riflessione tutta nuova che parte dall’ascolto del Requiem di Mozart, di quello di Silvia Colasanti e dalla parole di Mariangela Gualtieri. Un editoriale comparso tempo fa sul notiziario di Arcene ispirato al film “The Tree ofContinua a leggere “Prenotazione di COMETE”

A cosa ti servo ancora? Pentecoste anno A

A cosa ti servo ancora? (Giovanni 20,19-23) Pentecoste anno A (Gv 20) “La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani eContinua a leggere “A cosa ti servo ancora? Pentecoste anno A”

Io sono Undici Ascensione anno A

foto: Crocetta. Apuane dalla collina di Mozzacoda. Ascensione liturgia parola Io sono Undici (Matteo 28,16-20) Ascensione anno A   “Gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato” una parola alla volta, lentamente, voglio gustare fino in fondo il sapore buono di questa frase. Suoni che evocano e custodiscono, parole cheContinua a leggere “Io sono Undici Ascensione anno A”

Con dolcezza e rispetto, sesta domenica di Pasqua anno A

foto: Particolare dal mio orto liturgia sesta pasqua anno a   Con dolcezza e con rispetto (1 Pietro 3,15-18; Giovanni 14,15-21) VI Pasqua anno A   Io non lo so se qualcuno mi chiederà ancora ragione della speranza ormeggiata nel mio cuore. Io non lo so, Pietro, se i miei occhi hanno conservato quella luceContinua a leggere “Con dolcezza e rispetto, sesta domenica di Pasqua anno A”

Articolo di Laura Badaracchi apparso su “Avvenire” di domenica 10 maggio 2020

Articolo di Laura Badaracchi apparso su “Avvenire” di domenica 10 maggio 2020 Avvenire_20200510_A14 Il prete bergamasco «eremita»: nella pandemia vediamo il Crocifisso La testimonianza di don Alessandro Dehò, che ha scelto di dedicarsi alla preghiera in un borgo della Lunigiana Dallo scorso settembre vive a Mulazzo, nella Lunigiana, ma è originario di Romano di Lombardia,Continua a leggere “Articolo di Laura Badaracchi apparso su “Avvenire” di domenica 10 maggio 2020″

Per questo vivere continuo (Giovanni 14,1-14) V Pasqua anno A

foto: Dulci a Crocetta Liturgia Parola quinta domenica di Pasqua Per questo vivere continuo (Giovanni 14,1-14) V Pasqua anno A   “Non sia turbato il vostro cuore continuate a credere in Dio e a credere in me”   Eppure anche tu, per esperienza di vero uomo sai che la grandezza di un cuore si misuraContinua a leggere “Per questo vivere continuo (Giovanni 14,1-14) V Pasqua anno A”